Apple Banana

“Un oggetto utile, il cellulare.
Ma non utile quanto una coda prensile.
Purtroppo quella non ce l’ho.
Non utile quanto una buona strategia evolutiva.
Su quella ci sto lavorando.
Non ci si evolve mai per caso.
Ci si lavora su. Un pezzo alla volta.”

Un progetto di Marco Bonadei
Drammaturgia Aureliano Delisi
Regia Chiara Ameglio
Marco Bonadei
Vincenzo Zampa
Collab. alla regia Alessandro Frigerio
Con Marco Bonadei
Voci registrate Marta Pizzigallo
Giacomo Ferraù
Daniele Marmi
Luci Fabio Bozzetta
Costumi Saverio Assumma De Vita
Scene Gaia Crespi
Con il sostegno di The workroom-Fattoria Vittadini
L’altra Fedora-Associazione Culturale
Spazio Fattoria-Fabbrica del Vapore-Mi
Primostudio di Loredana Butti
Teatro Elfo Puccini

La vita di George è ferma in un loop. George vive una perenne insonnia, il mattino viene scandito dal suono delle voci che provengono dalla sua radiosveglia e sa che anche quello, come tutti i giorni precedenti e quelli che seguiranno, sarà un giorno in cui gli verrà posta di fronte una scelta tanto stupida quanto impossibile: un cellulare o una banana? Perché fa tanta fatica a scegliere? E soprattutto, come fare a vivere, imparando a scegliere senza problemi? Come si fa a evolvere?
Sapete di chi sto parlando, no? Di George. George!
George, la scimmia che fuma, colui che ha compiuto la grande traversata, il primate schiavo del consumo, l’uomo chiuso nella gabbia delle sue contraddizioni, che ci osserva e si lascia osservare.
E intanto, come sempre, la scelta tra cellulare e banana torna ad assillarlo.
Così George si blocca disorientato, va nel panico, perde il controllo. Quando non incapperà più in un bivio? Ma poi queste due strade sono realmente due?
Esiste l’opportunità di una scelta o è solo un’illusione?
Oltre al confronto con se stesso, con i suoi dubbi e le sue paure, George ne ha uno con l’esterno, importantissimo: l’incontro con gli altri primati seduti in platea.
Le società moderne premiano chi sa gestire interazioni sociali multiformi e guidare grandi gruppi; entrare a far parte di una società evoluta, ma soprattutto stringere alleanze, istaurare relazioni e cercare di sorpassare la posizione sociale altrui è la sfida più grande che il protagonista deve affrontare nel suo processo di trasformazione.
Non vi stupirete quindi nello scoprire che George si sente costantemente giudicato da quel pubblico di cui, come scimmia o come uomo, vorrebbe l’approvazione.
E poi c’è la sua mente, che non gli dà pace.
Lo interroga, lo assilla e lavora, per far uscire da lui ciò che non riesce (o non vuole) dire.

Lo spettacolo Apple Banana, conosciuto all’anagrafe(e alla SIAE) come “George, la scimmia che fuma” nasce dalle idee e dall’energia di Marco Bonadei e si evolve nel 2018 con la formazione di un gruppo di lavoro composto da Marco stesso, Chiara Ameglio, Vincenzo Zampa e me.
Dopo due anni di lavoro siamo giunti a uno spettacolo dal nome “Apple Banana” tratto dalla mia drammaturgia, una drammaturgia che non sarebbe mai stata possibile senza il contributo del gruppo, essendo frutto dei ragionamenti e degli spunti di tutti, nonché del lavoro fatto in scena durante le prove attraverso improvvisazioni ed esercizi.
Ne è scaturito un linguaggio testuale che segue le trasformazioni del personaggio cambiando costantemente registro. Partendo da una base piuttosto colloquiale e quotidiana sono state aggiunte inserzioni poetiche, invettive politiche, esperimenti sulle capacità linguistiche delle scimmie (ad esempio un monologo scritto con le sole cinque lettere: s a m d i) e momenti al limite del paralinguaggio animale.
Infatti, George, nonostante abbia imparato a parlare per evolversi da scimmia a essere umano, a volte sembra avere un problema pure con le parole.

“Apple Banana” si è avvalso dell’aiuto di tanti altri collaboratori tra cui quello estremamente prezioso di Alessandro Frigerio ed è giunto a realizzazione nel Dicembre 2019, con la prospettiva di una suo debutto ufficiale nel 2020.
Per adesso sono stati presentati alcuni studi, come quello portato a Serra De Conti per il festival L’altra Fedora.

Proudly powered by WordPress | Theme: Baskerville 2 by Anders Noren.

Up ↑